CENTRO PER IL TRATTAMENTO DELL'OBESITA'

Responsabile: Dott. Abdul Halim Berjaoui

Ambulatorio

Contatti telefonici

030/3153.000

  • EQUIPE
  • ATTIVITÀ CLINICA

    Perché si diventa obesi?

    Sono molti i fattori che possono portare a questa malattia cronica, come ad esempio:

    Equilibrio energetico – Ingerire una maggiore quantità di calorie rispetto alle reali esigenze dell’organismo e, a seconda del metabolismo individuale e del livello di esercizio fisico, determina un aumento di peso.

    Ereditarietà – se altri componenti della famiglia sono obesi, si ha una predisposizione maggiore verso l’obesità.

    Disturbi del metabolismo – variazioni del metabolismo, ovvero nel modo in cui il corpo assimila energia dal cibo, possono influenzare l’equilibrio energetico ed il peso dell’individuo (solo 3% degli obesi)

    Alimentazione ed abitudini – una dieta non equilibrata, spuntini fra un pasto e l’altro e poca attività fisica sono tutti fattori che possono contribuire all’obesità.

    Fattori psicologici – Anche mangiare per motivi sociali o emotivi è una delle cause principali del peso in eccesso

    Ognuno di questi fattori o una loro qualsiasi combinazione può portare all’obesità. La scienza sta cercando soluzioni per risolvere definitivamente questa problematica, intanto l’obesità patologica può essere trattata con diversi approcci.


    Nella cura dell'obesità, si attribuisce una particolare importanza al cosiddetto Indice di Massa Corporea (IMC o BMI in inglese), ritenuto oggi una metodologia pratica e mirata per la determinazione del rapporto tra il corpo e la sua massa. L'indice di massa corporea viene dato dal rapporto tra il peso e l'altezza.


    La formula esatta è IMC = Peso Corporeo in Kg /  ( Altezza in m2)

    Al fine di garantire un uso ottimale del sito, è stato messo a vostra disposizione il nostro calcolatore di IMC che consente di individuare la fascia di peso di appartenenza. A tale fine, basta controllare i dati corrispondenti nella tabella di seguito:



    Gli obesi patologici presentano la più alta e pericolosa quantità di peso corporeo in eccesso. In altre parole, l’obesità patologica viene definita con:
    ° IMC maggiore di 40
    ° peso corporeo almeno due volte superiore a quello ideale

    L’obesità patologica aumenta drasticamente la possibilità di sviluppare patologie che possono determinare significative problematiche fisiche, mentali e sociali potenzialmente fatali.

    Le persone obese, con un IMC pari a 35 o superiore e con patologie legate all’obesità, possono rientrare nei criteri per un trattamento chirurgico dell'obesità.


    Come interpetrare la tabella
    IMC (Indice di Massa Corporea ) Peso / Altezza x altezza

                                                        DONNA                                        UOMO

    Sottopeso                            Inferiore a 18,5                          Inferiore a 18,5
    Peso Normale                      18,5 - 22,9                                  19,5 - 24,9
    Soprappeso                           23,0 - 27,9                                  25,0 - 29,9
    Obesità di I Grado                 28 – 35                                          30 – 35
    Obesità di II Grado                35 – 40                                          35 – 40
    Obesità di III Grado           Maggiore di 40                         Maggiore di 40

    IL PERCORSO PREVEDE UNA VALUTAZIONE CLINICA MEDICA E CHIRURGICA DAPPRIMA E POI PSICOLOGICA PER LA SELEZIONE DEI PAZIENTI CANDIDATI AL TRATTAMENTO CON INDIVIDUAZIONE DI PERCORSI IL PIU’ POSSIBILE PERSONALIZZATI ANCHE DI SOSTEGNO (COLLOQUI  INDIVIDUALI, GRUPPI DI SUPPORTO ETC.)

    IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO CON BOLLA INTRAGASTRICA (BIB)
    IL TRATTAMENTO CHIRURGICO CON INTERVENTI RESTRITTIVI (BENDAGGIO GASTRICO LAPAROSCOPICO) O MALASSORBITIVI.



  • INTERVENTI

    Pallone intragastrico
    Il pallone intragastrico consente di dimagrire senza ricorrere alla chirurgia. Si tratta di un pallone di silicone morbido e gonfiabile che viene introdotto attraverso la bocca e mandato giù fino allo stomaco. Prima di inserire il pallone nella bocca, il medico esamina lo stomaco per accertarsi che non vi siano anomalie utilizzando una telecamera endoscopica.

    L’introduzione del pallone viene resa indolore grazie a dei sedativi locali nella zona della gola. Una volta posizionato all’interno dello stomaco, il pallone viene gonfiato con una soluzione salina naturale, simile alle nostre lacrime, attraverso un tubicino che viene poi rimosso sigillandolo. Dopo 6 mesi il palloncino viene rimosso nello stesso modo in cui è stato posizionato. Sia il posizionamento che la rimozione del palloncino richiedono circa 20 minuti.

    Molti medici concordano sul fatto che il palloncino può essere trattato come un primo step nel dimagrimento di una persona molto obesa, riducendo così i rischi chirurgici.



    Bendaggio gastrico

    Il bendaggio gastrico regolabile è l’intervento chirurgico per l’obesità più eseguito in Europa. Consiste nel posizionamento di un anello di silicone intorno alla parte superiore dello stomaco allo scopo di creare una piccola tasca gastrica virtuale che provoca un immediato senso di sazietà al paziente a seguito dell’ingestione anche di piccole quantità di cibo. Tale anello di silicone ha il diametro interno regolabile dall’esterno mediante un serbatoio inserito nel sottocute connesso alla benda con un piccolo tubo di raccordo. L’intervento viene eseguito in anestesia generale.

     

    Vantaggi

    - Il minore tasso di mortalità

    - Approccio chirurgico laparoscopico e meno invasivo

    - Nessun taglio o applicazione di punti metallici nello stomaco, nessuna deviazione intestinale

    - Regolabile

    - Reversibile

    - Il più basso tasso di complicanze chirurgiche

     

    Svantaggi

    - Dimagrimento iniziale più lento rispetto al bypass gastrico o alla diversione biliopancreatica

    - Programma di controlli regolari essenziale per ottenere buoni risultati

    - Richiede il posizionamento di un dispositivo medico

    in alcuni casi, l'efficacia può essere ridotta per la dilatazione della piccola tasca gastrica

    In alcuni casi, il dispositivo (port) che permette la regolazione del bendaggio potrebbe perdere e richiedere un piccolo intervento chirurgico di revisione

    Chirurgo Plastico

     

    LA VALUTAZIONE DEL CHIRURGO PLASTICO AL CONSEGUIMENTO DEL CALO PONDERALE PER PROGRAMMARE EVENTUALI TRATTAMENTI DI RIMODELLAMENTO (AD ES. ADDOMINOPLASTICHE, DERMOLIPECTOMIE CRURALI, MASTOPLASTICHE RIDUTTIVE, MASTOPESSI ETC.)

     

     

  • ATTIVITÀ AMBULATORIALE

    Gruppo di supporto

    L’APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE DEL CENTRO UTILIZZA DIVERSE FIGURE PROFESSIONALI CON COMPETENZE SPECIFICHE IN:

    • CHIRUGIA GENERALE BARIATRICA
    • ENDOSCOPIA DIGESTIVA
    • CHIRURGIA PLASTICA
    • MEDICINA INTERNA
    • CARDIOLOGIA
    • PNEUMOLOGIA
    • DIETOLOGIA
    • PSICOLOGIA E PSICHIATRIA


    IL PERCORSO PREVEDE UNA VALUTAZIONE CLINICA MEDICA E CHIRURGICA DAPPRIMA E POI PSICOLOGICA PER LA SELEZIONE DEI PAZIENTI CANDIDATI AL TRATTAMENTO CON INDIVIDUAZIONE DI PERCORSI IL PIU’ POSSIBILE PERSONALIZZATI ANCHE DI SOSTEGNO ( COLLOQUI  INDIVIDUALI, GRUPPI DI SUPPORTO ETC.)


    È essenziale che l'équipe di esperti comprenda stabilmente le seguenti figure professionali:

     


    Nutrizionista/Dietologo

    L'aderenza del paziente ai cambiamenti richiesti nelle sue abitudini alimentari in seguito è un fattore cardine dell'esito finale. Pertanto, l'educazione, la gestione e il controllo alimentare costituiscono elementi cruciali per la riuscita del programma e il dietologo rappresenta in tal senso una figura di vitale importanza nell'équipe.


    Internista, gastroenterologo, endocrinologo

    La funzione principale delle indagini endoscopiche preliminari agli interventi è quella di rilevare la presenza di particolarità anatomiche e patologie del tratto gastrointestinale superiore in quanto alcune patologie possono ritardare o persino controindicare la procedura. L'endoscopia è altrettanto importante nella fase postoperatoria per l'identificazione di determinate complicanze.


    Psicologo, psichiatra

    La funzione del trattamento chirurgico e quella dell'ambiente psicologico circostante sono interdipendenti. Sono necessari test psicologici preoperatori per determinare la personalità e il profilo comportamentale del paziente, rilevare eventuali controindicazioni di natura psicologica e spiegare al paziente l'importanza del supporto psicologico postoperatorio. 

    Fisioterapista

    Un esercizio fisico continuativo può risultare molto importante per la riuscita a lungo termine degli interventi per il trattamento dell’obesità. Tuttavia, è spesso difficile per il paziente auto-disciplinarsi in maniera costante e il fisioterapista è necessario per accompagnarlo mediante programmi di attività fisica e strumenti di autosostegno.

    COME CONTATTARCI

    L’ATTIVITA’ DEL CENTRO VIENE ESPLETATA IN DIVERSI AMBULATORI E SERVIZI  SPECIALISTICI CON LE SEGUENTI MODALITA’:


    AMBULATORIO DI CHIRURGIA BARIATRICA (DOTT. A. BERJAOUI,  P.I. PICCINI)
    IL MERCOLEDI DALLE ORE 13.30
    CON LA PRESENZA CONTEMPORANEA DI CHIRURGO, INTERNISTA, DIETOLOGA E PSICOLOGA
    TEL. 030 3197251

    AMBULATORIO MEDICO-DIETOLOGICO (DOTT.SSA TOMASI ED E. SALVETTI)
    IL LUNEDI DALLE ORE 13.30
    TEL 030 3197252

    AMBULATORIO CHIRURGIA PLASTICA (DOTT. P. BOSIO E F. PALMIERI)
    IL MERCOLEDI’ DALLE ORE 14.30
    TEL. 030 3197252


    SERVIZIO  DI  PSICOLOGIA CLINICA (DOTT.SSA D. SPEZIANI)
    TEL. 0303197400
    APPUNTAMENTO TELEFONICO DIRETTO


    SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA (DOTT. P.I. PICCINI E M. LIPPA)
    DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE ORE 8.00 ALLE 14.00
    TEL. 030 3197258


    LE VISITE NEGLI  AMBULATORI E SERVIZI  COLLEGATI AL CENTRO (TRANNE QUELLO DI  PSICOLOGIA) VANNO PRENOTATE PRESSO IL C.U.P. AL N° 0303153000

    X