Ambliopia: di cosa si tratta e come prevenirla?

L’ambliopia, nota come “occhio pigro”, è una condizione degli occhi che interessa i bambini nei primi anni di vita e consiste nel fatto che uno dei due occhi, pur essendo anatomicamente normale, non ha una visione corretta. L’ambliopia colpisce 1 bambino su  30 e può causare danni permanenti alla vista. Essendo indolore, non presenta sintomi evidenti e solamente una diagnosi tempestiva permette una piena riabilitazione del piccolo paziente. Abbiamo chiesto al Dott. Gianpaolo Gatta, Responsabile dell’U.O. di Oculistica dell’Istituto Clinico S. Anna, di descriverci l'ambliopia. 

“Si tratta di una condizione favorita da anisometropia cioè una significativa differenza di diottrie tra un occhio e l’altro. Il bambino, dunque, è portato in questi casi a fissare le cose con l’occhio con cui vede meglio non sviluppando la capacità visiva dell’altro. Un altro fattore che favorisce l’ambliopia è lo strabismo per cui si tende a vedere con l’occhio dritto a discapito di quello deviato”.

Quali esami sono utili per prevenire questa condizione?

"Una visita oculistica è sufficiente per una diagnosi precoce perché il recupero visivo è possibile fino agli otto anni. Una terapia adeguata spazia dalla prescrizione di un occhiale corretto ad un intervento di correzione dello strabismo con occlusione, in entrambi i casi, dell’occhio grazie a cui il bambino vede meglio”.

X